Nuovi rischi, nuove professionalità

L’IPL consiglia | 30 Settembre 2020

La quarta rivoluzione industriale richiede anche nuove competenze per la prevenzione dei rischi. Con il telelavoro e con il lavoro mobile da remoto si tende a prolungare l’orario di lavoro, a sovrapporre lavoro e vita privata (interferenza tra lavoro e tempo libero) e ad intensificare il lavoro. Di conseguenza, i lavoratori “altamente mobili” sono esposti ad un rischio maggiore in termini di conseguenze negative sulla salute e sul benessere. Leggi QUI il nuovo studio di Lorenzo Maria Pelusi (Fondazione ADAPT).