Settore metalmeccanico – Artigianato e industria

Professione Durata
Armaiolo *a 36 mesi
Tornitore in legno *trice
Galvanizzatore *trice
Tecnico per elettrodomestici *a
Vetraio *a
Tecnico ascensorista *a 48 mesi
Lattoniere edile ed artistico *a
Elettromeccanico *a
Elettrotecnico *a
Ciclomeccanico *a
Meccanico di precisione *a
Tecnico bruciatorista *a
Orafo e argentiere *a
Installatore di impianti termo-sanitari *trice
Tecnico frigorista *
Tecnico di impianti funiviari *a
Disegnatore tecnico per impianti *trice
Orologiaio *a
Tecnico  carrozziere *a
Meccatronico d’auto *a
Fabbro artistico *a
Tecnico della comunicazione *a
Tecnico per macchine agricole *a
Congegnatore meccanico *trice
Meccatronico *a
Magnano *a
Fabbro *a
Attrezzista
Assistente odontotecnico *a

Durata dell’apprendistato: se l’apprendista non ottiene la qualifica, il diploma professionale o il diploma dell’esame finale di stato, il rapporto di apprendistato potrà essere prolungato di un anno.

Periodo di prova: 30 giorni lavorativi effettivi

Orario di lavoro settimanale: l’orario di lavoro settimanale è di 40 ore ed è ripartito normalmente in 5 giornate (da lunedì a venerdì) di 8 ore ciascuna.

Ferie: 4 settimane (160 ore). Agli apprendisti sotto i 16 anni spettano 30 giorni di calendario.

Permessi: ciascun apprendista matura per ogni anno di servizio i seguenti permessi retribuiti: 32 ore per le festività soppresse; inoltre, nel settore metalmeccanico artigianale vengono maturate 16 ore a titolo di riduzione dell’orario di lavoro e in quello industriale 72 ore.

Nel settore METALMECCANICO INDUSTRIALE in totale, quindi, 104 ore di permesso di cui 56 ore possono essere fruite collettivamente e le rimanenti 48 ore possono essere godute individualmente (con un preavviso di 15 giorni).

Retribuzione dell’apprendista metalmeccanico nel settore ARTIGIANATO: la base per il calcolo dello stipendio è rappresentata dal compenso lordo previsto per gli operai di 5° livello, e quindi scaglionata. Per gli apprendisti assunti dopo il 1° luglio 2016, vale la suddivisione in base al rendimento scolastico secondo l’accordo sull’apprendistato del 2016.

METALMECCANICA settore ARTIGIANATO
Base di calcolo è lo stipendio lordo mensile 5° livello
(dal 01.09.2018)
1.512,88 €
Retribuzione lorda dell’apprendista Pagella con voto medio 7,5+
1° anno 35% 529,51 € 529,51 €
2° anno 50% 756,44 € 60% 907,73 €
3° anno 60% 907,73 € 70% 1.059,02 €
4° anno 70% 1.059,02 € 80% 1.210,30 €

Attenzione! Apprendisti assistenti odontotecnici e apprendisti orafi ed argentieri hanno tabelle salariali separate (da richiedere ai sindacati di categoria).

Retribuzione dell’apprendista metalmeccanico nel settore INDUSTRIA: la base di calcolo è il salario lordo mensile del lavoratore della 3a categoria.

METALMECCANICA settore INDUSTRIA
Base di calcolo è lo stipendio lordo della categoria 3
(dal 01.06.2020)
1.628,96 €
Retribuzione lorda dell’apprendista
1° anno 40% 651,48 €
2° anno 55% 895,78 €
3° anno 70% 1.140,08 €
4° anno 80% 1.302,95 €

La retribuzione oraria si ottiene dividendo la retribuzione mensile dell’apprendista per 173. La quota giornaliera è pari ad 1/26 della retribuzione mensile. Ulteriori informazioni nella Parte I dell’Agenda Apprendisti (“Informazioni di base”) alle rispettive voci.

Mensilità supplementari: prima di Natale gli apprendisti ricevono una retribuzione supplementare a titolo di gratifica natalizia, nella misura di 173 ore per anno di servizio. Se il rapporto di lavoro inizia o termina nel corso dell’anno, la gratifica natalizia ammonterà a tanti dodicesimi quanti sono i mesi di servizio effettivamente prestato in azienda.

Indumenti di lavoro: per lavori particolarmente imbrattanti, il datore di lavoro mette a disposizione per i dipendenti indumenti protettivi.

Trattamento di fine rapporto (T.F.R.) e previdenza complementare: se si aderisce a “Laborfond”, l’azienda versa un importo mensile che in base alle norme del contratto della categoria è fissato all’1% per il settore metalmeccanico artigianale e al 2% per quello dell’industria metalmeccanica. Ulteriori informazioni nella Parte I dell’Agenda Apprendisti (“Informazioni di base”) alle rispettive voci.

Malattia e infortunio non sul lavoro: ogni assenza per malattia o infortunio non sul lavoro deve essere documentata mediante certificato rilasciato dal medico curante. Dal primo al 180° giorno l’apprendista percepisce il 100% della retribuzione. Se la malattia non supera i 7 giorni di calendario non verranno pagati i primi tre giorni.

Gli infortuni sul lavoro: non vanno certificati dal medico di base, ma dall’ospedale, che fornisce anche l’assistenza medica; il medico di base può solo prolungare il periodo di inabilità lavorativa. In caso d’infortunio sul lavoro, all’apprendista spetta il 100% della retribuzione netta mensile.

Risoluzione del rapporto d’apprendistato: tutte le informazioni più importanti nella Parte I dell’Agenda Apprendisti (“Informazioni di base”) alle voci “Risoluzione, Licenziamento, Cambio aziendale”.

Periodo di preavviso: 15 giorni lavorativi effettivi.

L’impiego degli apprendisti nel settore metalmeccanico artigianato: è regolato da norme di legge per i giovani e gli apprendisti in genere, dal contratto collettivo nazionale di lavoro, dai contratti integrativi provinciali del 24.04.2018, dal contratto per l’apprendistato in Alto Adige e dall’accordo provinciale del 14/07/2016 per il nuovo ordinamento dell’apprendistato nel settore artigiano.

L’impiego degli apprendisti nel settore metalmeccanico dell’industria: è regolato dalle norme di legge per i giovani e gli apprendisti in generale, dal contratto collettivo nazionale di lavoro del 26.11.2016, dalla legge provinciale del 4 luglio 2012 n.12 “ordinamento dell’apprendistato” e dall‘accordo provinciale per gli apprendisti del settore industria del 28.07.2016.