23 Aprile 2020

Il clima di fiducia cade al minimo storico

Foto: Pixabay

Barometro IPL

Le previsioni dei lavoratori per l’economia altoatesina crollano al minimo storico. “L’Alto Adige è particolarmente esposto alla crisi Covid-19” spiega il Direttore dell’IPL Stefan Perini, ma “abbiamo anche una forza di reagire che altre regioni o Länder non hanno.”

Gli istituti europei di economia e ricerca sociale concordano su un punto: nel 2020 l’economia mondiale cadrà nella peggiore recessione dal dopoguerra ad oggi. Non sono unanimi, invece, per quanto concerne l’intensità della crisi, che dipende dalla durata dello ‘shutdown’, dalla vastità di attività colpite e dalla rapidità della ripresa.

Sviluppo atteso per l’economia altoatesina al minimo storico

Il Direttore dell’IPL Stefan Perini premette: “Il nostro sondaggio sull’attuale clima di fiducia dei lavoratori altoatesini è stato svolto tra il 20 febbraio e il 20 marzo. Nelle prime interviste tutto sembrava ancora a posto, ma dalla seconda settimana di marzo in poi, con l’acuirsi della pandemia, il clima è bruscamente crollato.” L’inversione di tendenza è stata significativa soprattutto in relazione alla domanda sulle previsioni economiche per i prossimi 12 mesi. “A questo riguardo le stime dei lavoratori altoatesini sono calate in una misura mai vista: 28 punti in meno rispetto al trimestre precedente” evidenzia Perini. Anche le prospettive sull’andamento del mercato del lavoro hanno subito una forte contrazione (-10). L’aspetto positivo è che (per ora) gli indici sulla situazione della propria famiglia sono stabili. I lavoratori intervistati dall’IPL ancora a marzo dunque non temevano di perdere il proprio posto di lavoro e non ritenevano problematica la ricerca di un nuovo posto di lavoro equivalente.

L’Alto Adige è particolarmente esposto alla crisi

L’IPL rileva che l’Alto Adige è particolarmente esposto a crisi di questo genere. Ciò dipende soprattutto dalla struttura dell’economia e del mercato del lavoro. Il turismo con i suoi effetti diretti e indiretti, l’alta incidenza del settore alberghiero e di ristorazione, il commercio al dettaglio, le attività sportive, artistiche e culturali – tutti settori che dovranno mettere in conto un lungo periodo di limitazioni. Inoltre, il mercato del lavoro altoatesino è fortemente caratterizzato da contratti a tempo determinato, lavoro stagionale e part-time: i primi a essere colpiti dalla crisi. Ciò nonostante, il Direttore dell’IPL Perini non condivide tutto questo pessimismo: “L’Alto Adige ha la capacità di ammortizzare meglio di altri la crisi attraverso la mano pubblica, soprattutto grazie alle competenze primarie, a un bilancio provinciale solido e a un indebitamento pari a zero.” Gli ammortizzatori sono necessari ora più che mai, anche perché una disoccupazione di lungo periodo costerebbe sicuramente di più che combattere la crisi per alcuni mesi, sottolinea sempre il Direttore dell’IPL.

Occorre un monitoraggio attento della crisi

“La crisi da Coronavirus domina il dibattito pubblico, eppure disponiamo ancora di pochi dati per poterne definire esattamente le ripercussioni concrete sull’economia reale” critica Perini. In Alto Adige occorre un monitoraggio attendo della crisi per valutare l’andamento e definire le misure necessarie sulla base di dati concreti. “Ora è compito degli istituti locali di statistica e ricerca sviluppare al più presto questo strumento di monitoraggio al fine di fornire ai politici e alle parti sociali i dati necessari per prendere decisioni il più corrette possibile.” Secondo Perini l’osservatorio dovrebbe focalizzarsi su indicatori come il numero di aziende e di occupati in cassa integrazione, la comunicazione e la cessazione di rapporti di lavoro dipendente, le iscrizioni e le cancellazioni di imprese, i concordati preventivi e i fallimenti, da rilevare mese per mese e per ogni settore. Va inoltre rilevato quanti fondi pubblici vengano investiti per le singole misure e per i singoli settori. “Anche perché toccherà ai contribuenti altoatesini pagare il conto” constata Perini, aggiungendo un suggerimento diretto alla Giunta provinciale: “Chi punta fin dall’inizio sulla trasparenza, si risparmia in seguito molti problemi.”

L’IPL non formula previsioni sul PIL

In questo periodo straordinario in cui gli avvenimenti si rincorrono e regna assoluta incertezza, qualsiasi previsione sul PIL sarebbe un azzardo. Stefan Perini spiega che “per questo motivo l’IPL a differenza di ASTAT e Camera di commercio ha deciso di formulare solo in autunno delle previsioni per il 2020, quando saranno disponibili cifre concrete relative a buona parte dell’anno.” Occorre capire cosa succederà in giugno al termine delle 9 settimane di cassa integrazione, e pertanto analizzare con massima attenzione gli indici relativi al terzo trimestre, in particolare la quota di occupati e il tasso di disoccupazione. Solo allora si potrà stabilire se la crisi sia stata o meno affrontata con successo. Inoltre, sarà fondamentale il sondaggio effettuato dall’IPL nell’ambito del Barometro estivo per capire se il clima di fiducia crollerà ulteriormente e come i lavoratori valuteranno la propria situazione personale. “Chissà, forse potremmo anche constatare a fine anno che la situazione è stata meno pesante di quanto si tema oggi.”

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al Direttore dell’IPL Stefan Perini (T. 0471 41 88 30 ovv. 349 833 40 65, stefan.perini@afi-ipl.org) e al ricercatore IPL Friedl Brancalion (T. 0471 41 88 40, friedl.brancalion@afi-ipl.org). Il Barometro IPL è disponibile sul sito dell’Istituto www.afi-ipl.org.

Link alla conferenza stampa virtuale
Sul nostro canale Youtube -> https://youtu.be/CUjnxyn9ywI

Presentazione Prezi -> QUI

Video per i Media:

File-Audio:

Comunicati stampa IPL | Congiuntura | Futuro | Lavoratori e lavoratrici dipendenti | Mercato del lavoro