18 Agosto 2020

Superato il “trimestre orribile”

Foto: Pexels

Barometro IPL – Focus settoriale

L’economia altoatesina si lascia alle spalle il suo trimester horribilis. È in questi termini che si potrebbe definire il 2° trimestre del 2020. Occupazione dipendente in calo del -6,9%, colpiti soprattutto lavoratori e lavoratrici stagionali nonché a tempo determinato (-31,6%). Gli effetti drammatici sull’occupazione sono comunque circoscritti all’alberghiero e alla ristorazione, mentre negli altri settori il livello dell’occupazione si mantiene pressoché stabile – principalmente per effetto della cassa integrazione – o addirittura aumenta leggermente (agricoltura: +2,5%).

Più che di annus horribilis si potrebbe parlare di trimester horribilis, guardando alle cifre dell’occupazione dipendente nei 3 mesi compresi tra aprile e giugno 2020 ed ai più recenti indicatori del clima di fiducia dei lavoratori dipendenti altoatesini. “La nota positiva è che dovremmo aver toccato e oltrepassato il fondo, sia per quanto riguarda i livelli occupazionali che per quanto riguarda il livello di fiducia dei lavoratori dipendenti”, afferma l’IPL.

Trimester horribilis sul versante occupazionale

Occupazione dipendente in netto calo in Alto Adige nel 2° trimestre 2020 rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente: -6,9%. Le principali vittime della crisi da coronavirus sono gli occupati a tempo determinato. Il numero degli stessi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente è diminuito del -31,6%. Ciò è riconducibile in primo luogo alla mancata riassunzione di forza lavoro stagionale. Per contro, sono addirittura leggermente aumentati i contatti di lavoro a tempo indeterminato – precisamente del +2,0%. Il Decreto Agosto vagliato dal Governo Conte prevede il prolungamento del divieto di licenziamento fino al 16 novembre 2020.

Crollo del clima di fiducia

Nell’indagine estiva del Barometro IPL, i giudizi sull’andamento dell’economia altoatesina nei prossimi 12 mesi si presentano decisamente più contenuti rispetto a quanto rilevato 12 mesi prima. Dei 7 settori analizzati, 5 mostrano una forte riduzione delle aspettative, quantificabile in una ventina di punti indice (su una scala che va da +100 a -100). Si tratta dei settori manifatturiero, edilizia, commercio, alberghiero e ristorazione, servizi privati. I lavoratori dipendenti occupati nell’agricoltura e nel settore pubblico si mostrano invece poco impressionati dalla crisi del coronavirus e mantengono un clima di fiducia sui livelli pre-Covid. Come puntualizza l’IPL, nell’indagine estiva del Barometro ci sarebbero stati già i primi segnali positivi prendendo a riferimento i valori puntuali di alcuni indicatori – una ripresa che si potrebbe consolidare nell’indagine autunnale. La stessa prenderà il via il 1° settembre.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al Direttore IPL Stefan Perini (T. 0471 41 88 30 o 349 833 40 65, stefan.perini@afi-ipl.org) oppure al ricercatore IPL Friedl Brancalion (T. 0471 41 88 40, friedl.brancalion@afi-ipl.org).

Il rapporto “Focus settoriale del Barometro IPL Estate 2020” può essere scaricato dal sito dell’Istituto www.afi-ipl.org e QUI; riporta l’andamento degli 8 indicatori del clima di fiducia per ognuno dei 7 settori considerati nell’analisi.

Comunicati stampa IPL | Lavoratori e lavoratrici dipendenti